Presidente della Repubblica

Il discorso di Mattarella

Ne sono convinta, Sergio Mattarella sarà un grande Presidente della Repubblica. E non sarà la sua storia personale (dalla tragedia familiare per mano della mafia alla grande esperienza politica) o l’ampio consenso e fiducia che noi parlamentari abbiamo voluto dargli a farlo tale, ma i grandi temi che ha posto nel discorso di questa mattina alla Camera così forte e appassionato.

In primis ha ringraziato i suoi predecessori, in particolare l’immenso lavoro di Giorgio Napolitano

napolitano_giorgioUn pensiero deferente ai miei predecessori, Carlo Azeglio Ciampi e Giorgio Napolitano, che hanno svolto la loro funzione con impegno e dedizione esemplari. A loro va l’affettuosa riconoscenza degli italiani. Al Presidente Napolitano che, in un momento difficile, ha accettato l’onere di un secondo mandato, un ringraziamento particolarmente intenso.

e ricordato qual è il punto di riferimento di tutti i cittadini italiani

La strada maestra di un Paese unito è quella che indica la nostra Costituzione, quando sottolinea il ruolo delle formazioni sociali, corollario di una piena partecipazione alla vita pubblica. [..]

Non ha tralasciato una delle più grandi questioni che affliggono il nostro Paese e di cui spesso ci si dimentica: la mafia. E’ compito innanzitutto della politica combattere questa piaga

Nella lotta alle mafie abbiamo avuto molti eroi. Penso tra gli altri a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Per sconfiggere la mafia occorre una moltitudine di persone oneste, competenti, tenaci. E una dirigenza politica e amministrativa capace di compiere il proprio dovere

la_repubblica_italiana1

Senza dimenticare che questa nazione nasce dalle ceneri lasciate dal fascismo e dall’odio razziale

Garantire la Costituzione significa ricordare la Resistenza e il sacrificio di tanti che settanta anni fa liberarono l’Italia dal nazifascismo

Il nostro Paese ha pagato, più volte, in un passato non troppo lontano, il prezzo dell’odio e dell’intolleranza. Voglio ricordare un solo nome: Stefano Taché, rimasto ucciso nel vile attacco terroristico alla Sinagoga di Roma nell’ottobre del 1982. Aveva solo due anni. Era un nostro bambino, un bambino italiano.stefano-gaj-tachè

E l’importanza fondamentale della cultura e della scuola

Garantire la Costituzione significa garantire il diritto allo studio dei nostri ragazzi in una scuola moderna in ambienti sicuri, garantire il loro diritto al futuro.

E avuto anche un pensiero per le persone disabili

Garantire la Costituzione   significa rimuovere ogni barriera che limiti i diritti delle persone con disabilità.

Mattarella infine ha ricordato quali sono le differenze sociali aumentate da una crisi economica che ha devastato il Paese

La lunga crisi, prolungatasi oltre ogni limite, ha inferto ferite al tessuto sociale del nostro Paese e ha messo a dura prova la tenuta del suo sistema produttivo. Ha aumentato le ingiustizie. Ha generato nuove povertà. Ha prodotto emarginazione e solitudine.

Da questo discorso getteremo le basi per un’Italia migliore. Buon lavoro Presidente

Viva la Repubblica, viva l’Italia!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...