Diritti/Donne/Parità di genere

A proposito di 194

La legge 194 è stata una conquista per le donne.

Non perché ha “concesso” loro di abortire a piacimento, ma perché ha messo fine al fenomeno delle mammane.

Chi in questi giorni lavora per l’abolizione o il depotenziamento della legge, dimentica quello che avveniva prima, quando le donne morivano sotto i ferri o per le infezioni procurate da operazioni fuori controllo e senza le necessarie precauzioni.

Chi si oppone alla legge lo fa per motivi etici o appellandosi al calo della natalità. Ma non è certamente obbligando le donne a portare avanti una gravidanza indesiderata che si aumenta la natalità.

Per aumentare il numero dei bambini occorre investire per sostenere le famiglie e le neo mamme, ma occorrono risorse e idee. Più facile colpevolizzare le donne.

Infine si pensa sempre che una donna vada ad abortire, come se facesse una passeggiata in campagna, andasse al cinema o in pizzeria con gli amici.

La donna o la coppia che sceglie di interrompere una gravidanza lo fa affrontando un intervento chirurgico, dopo giorni di ansia e riflessione. Lo Stato dovrebbe sostenere e aiutare psicologicamente queste persone e non colpevolizzarle.

Ma forse è il momento storico sbagliato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...