fascismo/Memoria/nazismo/predappio

Il dovere della Memoria

CARA TIZIA CHE FAI GITE A PREDAPPIO CON QUESTA MAGLIETTA

ti riporto una parte delle parole di Andra Bucci, deportata ad Auschwitz a 6 anni ed insieme alla sorella Tatiana di 4 anni, sono state CAVIE UMANE di quell’essere spregevole che fu Mengele.

So che forse è inutile, ma chissà. Forse capisci. Forse.

PERCHÉ AD AUSCHWITZ I BAMBINI PASSAVANO PER IL CAMINO, OPPURE VENIVANO SEVIZIATI E TORTURATI DA UNO PSEUDO MEDICO.

E NON C’ERA NULLA DI DIVERTENTE

“Ricordo quando il treno si fermò, mamma e nonna le misero a destra, noi dall’altra parte. Ricordo i filari di alberi, ci tatuarono. Io ho il numero 76483, da quel momento noi non avevamo più un nome. Io, mia sorella e nostro cugino finimmo nella baracca dei bambini. Sembra assurdo ma non mi ricordo di aver mai pianto, di aver cercato mamma, di essermi mai lavata o di essere mai andata in bagno. Facevo sempre la pipì nel mio giaciglio, la notte, io che a casa non la facevo più da tempo. E mi ricordo bene altre cose: un camino molto alto in lontananza che fumava sempre e qualche volta c’erano fiamme, un gran freddo, la neve, la terra bagnata e quando camminavo tenevo i piedi rattrappiti per non perdere le scarpe nel fango”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...