Senza categoria

Una vita in vacanza

Torno sulla mia odissea per uscire dall’aeroporto di Fiumicino di cui ho parlato qui perché mi ha fatto riflettere molto.

Chi ha pensato a creare un servizio cosi lungo per i passeggeri ha evidentemente messo al primo posto le esigenze organizzative e gestionali di compagnie, aeroporto e operatori, senza tenere in considerazione le persone con disabilitá che sono gli attori principali di quel servizio. Senza i quali non esisterebbe..

Già perché evidentemente si pensa che le persone con disabilitá abbiano tanto tempo davanti a sé, non abbiano impegni né appuntamenti lavorativi. Una vita in vacanza, insomma!

Lo stereotipo del disabile, quindi, dipinge le persone come perenni bambini, accuditi da genitori o assistenti, che devono trovare come impiegare il tempo tra una terapia e l’altra, che possono andare in vacanza.

In realtà, vorrei avvisare tutti, i disabili hanno una vita, impegni, un lavoro che magari li porta a girare come trottole.

E se si arriva tardi ad un appuntamento di lavoro per aver atteso mezz’ora e molto più per un meccanismo di assistenza che si inceppa, che si fa??

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...