CALCIO: NASCE NAZIONALE DEPUTATE

1

(AdnKronos) – Scende in campo la Nazionale parlamentari di calcio femminile: un team di deputate e eurodeputate di ogni schieramento politico con un “obiettivo più che sportivo di sensibilizzazione, per dare dei messaggi attraverso lo sport e la testimonianza”, come ha spiegato Lia Quartapelle (Pd).

Della squadra, che per stasera ha in programma il primo allenamento da tenere simbolicamente insieme alla Nazionale parlamentari maschile, fanno parte 15 calciatrici-deputate tra cui Simona Malpezzi (Pd)
Veronica Tentori (Pd), Fabrizia Giuliani (Pd), Daniela Sbrollini (Pd), Anna Ascani (Pd), Lorenza Bonaccorsi (Pd), Laura Coccia (Pd), Gea Schirò (Sc), le europarlamentari Elly Schlein (S&D), Laura Comi (Ppe), Eleonora Forenza (Sinistra europea).

“Lanciamo l’iniziativa non a caso il giorno prima della giornata internazionale sulla violenza sulle donne -ha spiegato ancora Quartapelle-. Contro la violenza di genere tutti gli strumenti necessari sono utili, è uno dei messaggi più forti da mandare è che le donne sono in grado di fare tutte le cose proprio come gli uomini”. Ad allenare la Nazionale è l’ex calciatrice professionista Katia Serra: “Ho detto subito sì perchè mi piace portare avanti questo messaggio per tutte le donne -ha detto-.
Sappiamo che qualche sorrisino ci sarà, non ci spaventiamo. Faremo capire a tutti quanto è difficile essere donna nella società italiana e il fatto che valorizzare le donne è un elemento di sviluppo della società e dal Paese”.

Laura Coccia, maglia numero 6, è una ex atleta disabile: “Vogliamo dare un messaggio a tutti, abili, disabili, uomini e donne: avere una caratteristica diversa è un dato di fatto non determinante per la capacità di fare qualcosa”.

La pattuglia in ‘trasferta’ delle eurodeputate ha promesso impegno e entusiasmo in collegamento dal Parlamento europeo: “È giusto dare un contributo a questa causa”, ha detto la Schlein cui ha fatto eco la Comi: “Non abbiamo paura, ci mettiamo la faccia e scendiamo in campo, anche qui in una Bruxelles blindata: daremo un calcio effettivo al terrorismo. Usare anche il calcio è importante”. Per la Forenza, “tutte insieme prendiamo un impegno con un gesto simbolico per le donne”.

Da Strasburgo hanno voluto esserci, anche se solo in collegamento Skype, altre due calciatrici: Elly Schlein (Possibile) e Lara Comi (Forza Italia). L’europarlamentare forzista ha sottolineato che la “decisione di giocare al calcio e’ molto importante, soprattutto dopo gli attacchi che l’Europa ha subito, per dire che non abbiamo paura. Noi donne scendiamo in campo e ci mettiamo la faccia, daremo un calcio al terrorismo”.
A Roma, invece, un’altra presenza importante e’ stata quella di Laura Coccia (Pd), atleta paralimpica prima del suo impegno parlamentare, che ha posto l’accento su un tema specifico.
“Abbiamo scelto di intraprendere questa avventura, e abbiam scelto il calcio, perche’ e’ lo sport piu’ popolare e a prescindere da luogo di provenienza, dalla lingua e dalla religione, c’e’ grande capacita’ di amalgamarsi in un gruppo”. “Il calcio femminile e’ oggetto di alcuni stereotipi”, ha proseguito Coccia, “cosi’ abbiamo deciso di far nascere questa nazionale per dimostrare ancora una volta che le donne sanno fare esattamente le stesse cose degli uomini. Lo sport femminile, e soprattutto il calcio, riceve molti meno finanziamenti e noi parlamentari scenderemo in campo per i diritti delle donne”.
Questa sera alle ore 20,30, presso il Centro sportivo Olimpico dell’Esercito di Roma, si svolgera’ il primo allenamento della squadra femminile delle parlamentari-calciatrici. La scelta non e’ casuale, domani 25 novembre, infatti, si terra’ la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. “Il nostro impegno per le donne a partire dalla vigilia di una data cosi’ importante, credo sia fondamentale”, ha detto Eleonora Forenza, europarlamentare de L’altra Europa con Tspiras, e numero 10 del team azzurro.

Della nazionale parlamentari fanno parte le democratiche Lia Quartapelle, Laura Coccia, Anna Ascani, Simona Malpezzi, Daniela Sbrollini, Caterina Bini, Gea Schiro’, Lorenza Bonaccorsi, Francesca Bonomo, Chiara Gribaudo, Vincenza Bruno Bossio, Veronica Tentori, Francesca Puglisi e Fabrizia Giuliani, per Scelta civica Ilaria Capua e Paola Binetti, e ancora Barbara Saltamartini della Lega, Mara Mucci del Misto (ex M5s e Alternativa libera), dal Senato Francesca Puglisi. Tra le “straniere” figurano, poi, le eurodeputate Elly Schlein (Possibile), Eleonora Forenza (Altra Europa con Tsipras) e Lara Comi (Forza Italia).