IL PARTITO DEMOCRATICO CHE VORREI

Nella mia camera a casa dei miei genitori ancora c’è l’attestato di quel giorno del 2007: io, come molti altri della mia generazione, c’ero.  Non avevo mai avuto la tessera di un partito prima di allora,  ma nel PD ci ho creduto dal primo istante perché si poneva finalmente come una forza riformista, progressista, non utopica, bensì pronta ad assumersi una chiara responsabilità di Governo. Iniziava così una grande avventuraContinua a leggere “IL PARTITO DEMOCRATICO CHE VORREI”